> Diary > tutte le news
9 mesi fa
Diary

Come Allenarsi Correttamente – Parte 1 –

Aerobic Base

Stavo disegnando un programma di sessioni aerobiche per il mio amico ed atleta master Palmiro Marafioti e riflettevo su quanto questa qualità sia sottosviluppata e sottoallenata da moltissimi atleti, soprattutto dai più giovani e dai master che non hanno mai praticato uno sport con una forte componente aerobica.

Assodato che il nostro sport è incentrato sull’alta intensità, girare tra metcon molto semplici con remo, air bike, ski erg e single unders a bassa intensità potrebbe sembrare un peccato mortale per tutti quei crossfitter che hanno perso la fede nello sforzo estremo che li porta alla liberazione da tutti i mali. Beh … non lo è. Anzi.

Da una a tre sessioni settimanali di lavoro monostrutturale o mixed modal appropriatamente distribuite nella vostra routine non potranno che rendervi atleti migliori.

Dovranno essere incentrate su:

” Le vostre carenze relative ad un dominio di tempo.
” Movimenti o scenari che inseriti in un metcon rallentano la vostra performance.
” Carenze generali della vostra aerobic base.

Negli anni questo tipo di lavoro vi porterà più di un vantaggio:

” Maggiore densità di capillari e mitocondri.
” Migliorato recupero in tutti i contesti di gara ed allenamento.
” Migliorata soglia lattacida grazie alla capacità (guadagnata con il lavoro aerobico di base) di spingere più intensamente nei workout specifici.

Controllare le pulsazioni con una fascia toracica ed il cardiofrequenzimetro è indispensabile:

” Le vostre bpm devono restare in una fascia compresa tra le 130 e le 160.

Fino a quando state da queste parti sarete sicuri di non creare troppo stress con il lavoro che state facendo. Se si tratta di intervalli, la cosa figa è che anche le pause sono allenanti fino a quando non scendete al di sotto del range minimo di pulsazioni (130bpm).

Questi i 3 principali domini di tempo:

” Short: da 0 a 4 minuti
” Medium: da 5 a 15 minuti (la mecca dei crossfitter)
” Long: dai 15 minuti in su

Non prendiamo in esame il dominio di tempo breve perché entro i 4′ a fermarti in un metcon non è mai la tua base aerobica ma si tratta sempre di un limite tecnico o di strength endurance o di power endurance.

Mentre dai 5′ in avanti:

” il serbatoio aerobico
” la capacità di pacing

di un atleta sono due componenti fondamentali per vincere.

I test di off-season BHT per i mixed modal sono stati:

MEDIO

5 rounds for time of:
20 Bar Facing Burpees
1 round of “DT” (12 Deadlift – 9 Hang Power Clean – 6 Push Jerk) @155/105lbs

LUNGO

30′ AMRAP:

3 rounds of:
400m Run
21 KB Swing @24/16kg
12 Toes to Bar

+

10 rounds of:
3 Power Snatch @135/95lbs
10 Box Jumps @24″/20″

+

AMRAP in the remaining time of:
1 Power Clean & Push Jerk @135/95lbs
1 rounds of Cindy (5 Pull Ups – 10 Push Ups – 15 Air Squat)
2 Power Clean & Push Jerk @135/95lbs
1 rounds of Cindy (5 Pull Ups – 10 Push Ups – 15 Air Squat)
3 Power Clean & Push Jerk @135/95lbs
1 rounds of Cindy (5 Pull Ups – 10 Push Ups – 15 Air Squat)
4 Power Clean & Push Jerk @135/95lbs
1 rounds of Cindy (5 Pull Ups – 10 Push Ups – 15 Air Squat)
5 Power Clean & Push Jerk @135/95lbs
1 rounds of Cindy (5 Pull Ups – 10 Push Ups – 15 Air Squat)

and so on …

Note: Lo score di questo test è il numero di Clean & Jerk raggiunto.

Palmiro in entrambe i casi si è reso conto di perdere efficienza e lucidità dopo gli 8′-10′.

Qui a seguire degli esempi pratici del lavoro che gli sto disegnando per colmare questa weakness:

A.
4 sets of:
6′ AMRAP @70% effort:
400mt Run
+
AMRAP of:
5 Toes to Bar
10 Push Ups
15 KB Swing @24/ 16kg

Rest time: walk until you heart rate drops down to 130 bpm then start a new interval with run.

B.
Complete:
9′ Row @5k pace +15″
-1′ rest
9′ Assault Bike @58rpm
-1′ rest
9′ Ski Erg @5k pace +20″
-10′ rest and repeat the whole sequence

C.
40′ AMRAP of:
60 Reverse Single Under
10 Box Jump Step Down @24″/20″
60 Reverse Single Under
15 Burpees no Jump
60 Reverse Single Under
20mt Bear Crawl

In questi tre esempi la scelta degli esercizi e del tempo di lavoro sono naturalmente legati a Palmiro ma il denominatore comune di tutte queste tre sessioni è la sostenibilità dell’esercizio.
Dovete sentire che state respirando ma il numero che leggete sul vostro cardiofrequenzimetro deve restare nel range prescritto.

In questo modo oltre a regolare il vostro pace potete incrociare l’andamento delle vostre bpm con quello che sente il vostro corpo ed imparare molto riguardo alla vostra performance.

Most liked

16 febbraio 2017

Athletes, Coaches and Programming

Fortunatamente Andrea Barbotti nel suo ultimo post IG in poche righe mi ha sollevato dal lavoro di fare...